venerdì 25 settembre 2015

#36.

Come un'amica bastarda non mi lascia sola nemmeno quando sto male.
Sono senza energie ma non importa, la forza me la dà Lei.
Ceno, la febbre è alta, lo stomaco pieno.
Vorrei solo stendermi, sono stanca, ma no, Lei è lì.
Lei mi prende per mano e un attimo dopo mi sento leggera.
Mi sento la testa esplodere, penso che i capillari negli occhi siano esplosi.
Mi guardo allo specchio e ho gli occhi rossi, bagnati, ma nulla di più.
È andata bene.
Esco dal bagno.
Ripeto tutto, come se non fosse abbastanza.
Questa volta mi sento svenire, cado a terra.
Mi rialzo, sciacquo il viso.
Piango, sciacquo ancora il viso.
Esco dal bagno tremante.
Simone non mi guarda.
"Sembri uno zombie", dice.
Non stacca lo sguardo dalla tv, neanche per un secondo.
Mi siedo accanto a lui, sul divano.
Mi sento ghiacciare, così mi copro.
Ho un forte dolore al petto, continuo a tremare.
La testa mi esplode.
Tra un po' farà BOOM, come una vera bomba.
Chiudo gli occhi, respiro troppo velocemente.
Forse Lei è la mia unica certezza.
Come un'amica bastarda non mi lascia sola nemmeno quando sto male.

12 commenti:

  1. lei è una certezza passiva...solo perchè c'è..ma non vuol dire sia davvero importante!!
    o vale la pena che ci sia!!
    NO!!
    tu vali per te per i tuoi sforzi per i tuoi obiettivi per le tue aspirazioni per i tuoi desideri..e lei non è niente di tutto questo....non è un'amica...non è neanche un'amica bastarda..
    è bastarda.e basta.

    ti mando un caldo abbraccio che ti tolga quel gelo che senti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica o meno, Lei c'è. So di valere molto di più, ho solo bisogno di ritrovarmi.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  2. Ti rispondo qui anche per il commento precedente: davvero mi dispiace.
    Non volevo assolutamente farti sentire attaccata, non vorrei mai che tu ti senta assediata pure qui, che dovrebbe essere un posto "sicuro" dove sfogarti...
    Senza dubbio io non ti conosco, non ti guardo nel piatto né ti seguo in bagno, non so quanto pesi e quanto sei alta. Ma se mi attengo solo a quello che racconti, so che sei una persona in forma che sta dimagrendo ulteriormente, in fretta e per i motivi sbagliati. In questo senso la tua magrezza è preoccupante, indipendentemente dal tuo BMI... (di nuovo, non è una critica... è una preoccupazione).
    Stai attraversando un periodo difficile... ma "Lei" non è la tua unica certezza. TU sei la tua unica certezza, la persona sulla quale potrai sempre contare. Mi spezza il cuore leggere della distanza di Simone, ma tu devi salvare te stessa.
    Lo so come ti senti. Sei malata, stanca, hai mille pensieri, dolori, doveri e preoccupazioni che ti fanno girare la testa... sembra impossibile gestire tutto da sola. Sei bisognosa ora più che mai di affetto, partecipazione, protezione, e invece più stai male e meno ricevi queste cose... e questo ti spinge ancora più giù, ti fa sentire ancora più senza appigli.
    Ma cerca lo stesso di racimolare tutte le forze che puoi. Devi essere forte e salvarti, anche da sola. Ti giuro che ti capisco più di quanto vorrei... un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, davvero, ho capito che non mi volevi attaccare, ho frainteso io e ho scritto di getto. Ma la questione è chiarita, davvero tranquilla! :)
      Credo che tu abbia ragione. Ho sulle spalle il peso di troppe responsabilità e preoccupazioni e forse avrei bisogno dell'affetto di qualcuno. D'altra parte, però, so che la forza posso trovarla solo dentro di me e non posso dare la colpa agli altri per ciò che mi succede. Sto cercando questa forza, la sto cercando veramente, solo che quando mi sembra di averla ritrovata mi crolla puntualmente tutto. È una forza illusoria.
      Ti ringrazio tantissimo.
      Un forte abbraccio.

      Elimina
  3. Ho letto anche il post precedente, e sono tanto tanto tanto in pensiero per te. mi spiace sentirti così...
    ti abbraccio fortissimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Eli, in qualche modo ne verrò fuori.
      Un bacino <3

      Elimina
  4. Questa presenza è illusoria, anche se ti fa sentire leggera e ti prende per mano non significa che essa sia davvero presente. Lei c'è al solo scopo di farti sprofondare, di buttarti ancor più giù, poi ti lascerà ancor più sola, più debole e piena di incertezze.
    Non lasciarti ammaliare dalla sua falsa dolcezza, dal suo inappropriato calore...
    ... E' strega trasformata in fata, ma la sua vera natura è malvagia, ricordatelo!
    Forse Simone non sa come muoversi, ha paura ad intervenire o nega persino a lui stesso cosa sta' succedendo, per non affrontare il problema. Mi dispiace che si comporti così, in fondo avresti tanto bisogno di mille caldi abbracci.
    Hai possibilità e volontà di parlarne con la tua amica? con mamma?
    Tu sei forte, ma devi trovare qualcuno che ti appoggi un po'. Conosco assai bene questa situazione psicologica, credo che da sola tu possa fare tantissimo, ma serve un piccolo incoraggiamento per farti partire, non mollare.
    Barbara, per qualsiasi cosa, scrivimi...
    Ti stringo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che è di natura malvagia, ma penso sia diverso rispetto a quando stavo male qualche anno fa. Penso di avere la possibilità di riprendermi velocemente, non voglio sprofondare fino a finire in ospedale come un tempo. Riuscirò a riprendere in mano la situazione, sono fiduciosa.
      Con la mia amica potrei parlarne, ma lei sa già di questo mio problema, mi sembra inutile raccontarle i dettagli, anche perché non potrebbe capire fino in fondo, per sua fortuna. Scrivo su questo blog perché so di essere seguita da persone che hanno vissuto o vivono il mio stesso demone e quindi riescono a comprendermi senza darmi della pazza o della stupida. A mia mamma no, non posso dirlo. In passato mi è stata molto vicina per il mio dca, ma ora lei sta troppo male e parlandogliene aggraverei tutto. Anche la psicologa mi ha consigliato di non dirle nulla, non posso aggiungerle un'altra preoccupazione, deve pensare alla sua salute.
      Mi rialzerò.
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Babi cara...lei ti è vicino quando stai male perchè è lei a farti stare male, a farti credere che non hai altra via a lei, ma non è così.
    Stai vivendo un periodo duro: tre lavori, la salute della tua mamma (vi abbraccio, te e anche lei, anche se non la conosco, so cosa vuol dire aver un genitore che sta male), il rapporto con Simone che senti non ti dà quello che cerchi (ma penso che qui Ilaria ha ragione... non sa cosa fare, non è che se ne sbatte)... e solo lei ti sembra certa.
    Ti stringo forte forte <3 <3

    P.S. Non te la prendere x certi commenti... chi fa la voce grossa e vuol sempre sembrare freddo e sotuttoio è chi ha più paura e si sente più debole di tutti... tu sei coraggiosa perché sei sincera, ammetti che la bastarda di bulimia ha ancora del potere su di te e ti fa onore, perché dalla consapevolezza nasce il coraggio.
    Ora prenditi un attimo di pausa e cerca di capire come puoi combattere.
    E nn dare per scontato che Simone o i tuoi amici e famiglia non posono o non vogliono aiutarti.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Nana, grazie per la tua comprensione. Sono consapevole che la bulimia ha ancora del potere su di me perché dopo aver vissuto quasi sei anni nelle sue grinfie sarebbe strano se non ne riconoscessi i sintomi e le sensazioni. Non mi preoccupo troppo dei commenti, anche perché mi sono chiarita con la ragazza. Purtroppo sono così: quando qualcuno si preoccupa per me, spesso confondo la sua preoccupazione con l'arroganza. Il problema è mio, che sono sempre prevenuta con tutti.
      Penso che tu abbia ragione su tutto, le mie mille preoccupazioni mi hanno fatto perdere la testa. Però tranquilla, starò bene.
      Un bacino <3

      Elimina
  6. Tesoro forza... Anche se una volta cedi sai bene che hai tutta la forza per ritrovare te stessa e il tuo equilibrio.
    Adesso sei in un momento stressante e senti la malattia come una certezza, ineluttabile e sempre presente... Ma tu puoi cacciarla quando vuoi.
    Ti mando un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la certezza di alcuni comportamenti, ma non ci sono completamente dentro, tranquilla, la situazione è risolvibile. Devo appunto ritrovare il mio equilibrio.
      In certi momenti la malattia è predominante, ma la mia mente non è completamente fottuta, ragiono ancora.
      Grazie per le tue parole, un bacio a te!

      Elimina