lunedì 16 febbraio 2015

#10. San Valentino.

Sabato si è festeggiato San Valentino, una festa che io trovo davvero molto carina. Simone mi ha portata a cena fuori ed ero terrorizzata dal non riuscire mangiare nulla. Invece i fatti si sono svolti diversamente, per fortuna.
Ho ordinato una pizza alle verdure, ovviamente senza mozzarella. Ho tenuto 50 minuti per finirla. Cinquanta minuti di orologio, non sto esagerando. Nel frattempo Simone si è mangiato un piattone di risotto ai funghi, un piattino di polenta, un'intera porzione di patatine fritte e un panino intero vuoto. Ha terminato prima di me, ma non ha fatto alcun commento sulla mia lentezza nel mangiare e non posso che ringraziarlo per questo. Per tutta la sera non ha fatto che guardarmi con due occhi dolcissimi e ripetermi quanto fossi bella. Abbiamo parlato molto, affrontando sia argomenti dolci che altri molto divertenti. Abbiamo riso davvero molto e lui è dannatamente bello quando ride. Dio, quando lo amo.
Terminata la cena siamo andati a casa sua e, sebbene fossimo d'accordo che non ci saremmo fatti alcun regalo, così non è stato. Mi ha regalato una rosa rossa meravigliosa, sapendo che è il mio fiore preferito. In più, mi ha regalato del cioccolato fondente biologico che ha trovato solo al NaturaSì, davvero delizioso. Il tutto, accompagnato da un bigliettino scritto di suo pugno che mi ha fatta morire dal ridere e scoppiare in lacrime contemporaneamente.
Mi sono sentita esplodere di amore. Mi sono sentita piena e realmente felice. Purtroppo, questi piccoli pensierini mi hanno fatta sentire anche in difetto. Lui si è impegnato tanto per rendermi felice e io non gli ho regalato nulla. Non gli ho scritto nemmeno un bigliettino. Ed ecco che ho iniziato a darmi dell'imbecille, chiedendogli espressamente come faccia a stare con una cogliona simile. Lui è stato di una dolcezza meravigliosa e mi ha tranquillizzata.
Il resto della serata non la racconto, si può immaginare come abbiamo concluso piacevolmente la serata.
Mi sono infine addormentata tra le sue braccia.

Ora, come sto? Ho un mal di gola allucinante. Il mio stomaco è ancora chiuso, ma ieri sono riuscita a fare un pranzo completo e sostanzioso.

Vorrei che tutto fosse più semplice.

2 commenti:

  1. La semplicità si trova nelle piccole cose... Nei piccoli momenti assieme a chi ama... Nelle piccole (ma grandi) emozioni che ci fanno battere il cuore...
    Hai passato una bellissima serata, seppur semplice. Sta qui la bellezza....
    Devi imparare a trovare la semplicità ovunque, pure quando sei da sola, quando hai una sfida davanti... Cose impossibili non esistono ( o quasi, siamo sincere vai) se troviamo dinanzi qualcosa di complicato basta "solo" affrontarlo a piccoli pezzettini, in brevi passi... Tutto sembrerá più semplice. Anche scalare una montagna, che di semplice non ha niente!!! :)
    Grazie per i tuoi gentili e adorabili commenti sul mio blog.
    Cerca di non pensare al tuo stomaco, vedrai che se ti distrai questo riesce ad aprirsi senza che tu te ne accorga! Conosco la sensazione, fidati...

    Ciao Barbara. Un abbraccio.
    Ps. Sei davvero fortunata ad avere Simone! Ti invidio (in senso positivo, non fraintendermi!!!!)

    RispondiElimina
  2. Sono contententa di leggere che hai passato una bella serata! Anche io il mio ragazzo mi ha regalato una rosa una scatola di cioccolati e una sciarpa blu bellissima e io un cavolo glio ho solo fatto un dolce perché sono sempre spianta! Ma non è importante i gesti d'amore non chiedono nulla in cambio non sentirti in colpa! Vuol dire che la prossima volta magari ci penserai e anche tu gli farai un pensierino!
    Un abbraccio..
    Comunque hai un ragazzo davvero dolcissimosei fortunata;)

    RispondiElimina